"Omaggio a Renata"

"Omaggio a Renata"

"OMAGGIO A RENATA TEBALDI" 2014

Nel decennale della scomparsa (2004-2014)

Un caleidoscopio di emozioni per i due appuntamenti che la Fondazione Renata Tebaldi ha voluto, nel Dicembre 2014, per celebrare il Decennale della scomparsa del grande soprano.
Il 1 Dicembre si è svolto il primo dei due appuntamenti: un concerto lirico al Teatro Titano.

Emozioni che dal foyer del teatro, dove erano esposti due preziosi abiti appartenuti al soprano, hanno pervaso platea e palcoscenico, su cui Eve-Maud Hubeaux – il mezzosoprano prima classificata per la Sezione Opera nell'edizione 2013 del Concorso Tebaldi – ha aperto la serata accompagnata al pianoforte da Raffaele Cortesi, incantando la platea con la propria eleganza. Carlo Vistoli e Julie Fioretti - rispettivamente primo e secondo posto nella sezione Repertorio Antico e Barocco, sempre nell’edizione 2013 del Concorso – hanno aperto la seconda parte della serata sulle note di Händel, accompagnati dall’ensemble barocco Fuoco e Cenere diretti da Jay Bernfeld.

"Cantare di nuovo a San Marino e in un'occasione così speciale è per me un grande onore", racconta Eve-Maud Hubeaux. "Sono legata alla Fondazione Tebaldi e al suo concerto, il mio vero trampolino di lancio: non solo è stato il primo concorso che ho vinto, ma sopratutto, grazie alla scrittura di Serge Dorny, il presidente di giuria, è stato il primo di una serie di impegni importanti. Questa sera poi ho potuto cantare O, mio Fernando, un'aria di Donizetti a cui sono molto legata perché è stata il mio cavallo di battaglia al Concorso, ma non avevo potuto farla ascoltare durante la finale. La mia emozione nel portarla questa sera su questo palcoscenico è davvero grande!".

Molto emozionato anche il controtenore Carlo Vistoli che pochi giorni dopo l’esibizione, proprio insieme a Julie Fioretti e al quartetto Fuoco e Cenere, sarebbe partito alla volta del Baroque Festival di Shanghai. La stessa formazione, durante la serata, ha eseguito alcuni brani del Giulio Cesare in Egitto di Händel. “È stato un onore per me essere qui sia per il decennale, sia per aver calcato ancora questo palcoscenico che, per la mia carriera, ha un grande significato: dopo aver vinto il concorso ho potuto fare tantissime esperienze ed oggi tornare qui è un'emozione infinita".

Concorde anche Julie Fioretti, soprano francese che, come tradisce il suo cognome, ha un legame con l'Italia davvero molto profondo: "Tornare a San Marino per celebrare Renata Tebaldi è un sogno che si avvera: San Marino e il concorso sono davvero nel mio cuore e spero di poter tornare presto in questo Teatro che, ancora, mi toglie il fiato come la prima volta che, in audizione, ne ho varcato la soglia".

Desiderio di tornare ed emozione anche nelle parole di Jay Bernfeld, direttore artistico e maestro di viola da gamba del quartetto Fuoco e Cenere. "Sono onorato che la Fondazione Tebaldi ci abbia scelto come ambasciatori della sua sessione dedicata alla musica barocca. Suoniamo in tutto il mondo, ma l'emozione di farlo qui, nel luogo che la nostra amata Tebaldi ha scelto per i suoi ultimi anni, è inarrivabile. Da ragazzo ho avuto la fortuna di sentirla cantare a New York e questo suono ha cambiato radicalmente il mio modo di concepire la musica: oggi a San Marino la Fondazione ha fatto conoscere e dato valore a giovani talenti che, partendo da qui, si avviano a carriere di sicuro successo".

Numeroso il pubblico che ha gremito invece la Basilica del Santo a San Marino, il 19 dicembre, per l’esecuzione della Petite Messe Solennelle di Gioacchino Rossini preceduta dalla celebrazione dell’Eucaristia in memoria di quel 19 dicembre 2004 quando, nella San Marino da lei scelta come residenza, si spense Renata Tebaldi.

Alla serata ha presenziato anche il M° Riccardo Muti, in visita privata a San Marino insieme alla moglie Cristina Mazzavillani, che al termine del concerto si è soffermato con i vertici della Fondazione.

Protagonisti dell’emozionante tributo musicale proprio alcuni dei giovani interpreti che, in diverse edizioni, si sono classificati ai primi posti nelle finali del Concorso Internazionale di Canto dedicato al soprano. Solisti della Petite Messe sono stati infatti Anna Kasyan, Romina Tomasoni, Davide Giusti e Kyu Bong Lee che, diretti dal M° Nicola Paszkowski, hanno dato voce all’opera rossiniana insieme al coro La Stagione Armonica.

‎"È sempre una grande emozione cantare a San Marino", ha commentato subito dopo il concerto il basso coreano Kyu Bong Lee. “È un luogo dove si respirano libertà e storia."
Altrettanta emozione nelle parole del giovane tenore Davide Giusti: "Ogni volta che torno a San Marino rivivo l'emozione della mia vittoria al Concorso Tebaldi 2011. Questa sera, poi, quando abbiamo visto fra il pubblico il grande maestro Muti, i pensieri si sono affollati nella mente e ritrovare la concentrazione è stato davvero difficile! Un'altra grande opportunità che mi ha offerto, a sorpresa, il Concorso Tebaldi".
Romina Tomasoni concorda con Giusti:
"All'emozione di celebrare Renata Tebaldi si è aggiunta la gratificazione di esibirmi davanti ad un'icona della musica mondiale".
Ancora più intimo il sentimento del soprano Anna Kasyan che, particolarmente ispirata dal ricordo di Renata Tebaldi, al termine della sua interpretazione, ha resistito a fatica alla commozione: "Il ricordo dell'artista e la suggestione di questa splendida basilica hanno costituito la base emotiva sulla quale ho interpretato la mia parte".

Una curiosità: gli allestimenti floreali delle serate sono stati curati da Fior di Verbena che ha realizzato le composizioni utilizzando i fiori che Renata Tebaldi preferiva!
Grazie a Mara Verbena, per le sue ricerche e la sua arte.

1 dicembre 2014

Concerto al Teatro Titano


19 dicembre 2014

Basilica del Santo San Marino


Concerto di Natale del 21 dicembre 2013

In ricordo di Renata Tebaldi

L’Istituto Musicale Sammarinese si unisce alla Fondazione Renata Tebaldi nel ricordo del grande soprano, una delle interpreti più straordinarie della lirica di tutti i tempi, in occasione dell’anniversario della sua scomparsa avvenuta il 19 dicembre 2004 a San Marino, luogo che amava profondamente.

Il programma di questo Concerto di Natale 2013 è dedicato a Giuseppe Verdi: un doveroso omaggio al padre del melodramma italiano nel bicentenario della nascita.
L’Orchestra Sinfonica della Repubblica di San Marino, diretta dal M° Valerio Galli, si cimenterà in alcune delle pagine più belle del repertorio verdiano: dalle sinfonie di Nabucco e Traviata alle arie di Trovatore, Falstaff, Don Carlo.

Grazie alla collaborazione con la Fondazione Renata Tebaldi, il concerto ha come protagonisti due cantanti premiati al prestigioso “Concorso Internazionale di Canto Renata Tebaldi”: il soprano georgiano Marina Nachkebiya e il baritono coreano Kyu Bong Lee.

"Omaggio a Renata" - Concerto del 18 Dicembre 2012

La Fondazione Renata Tebaldi sostiene la musica per i terremotati

Niksa Simetovic, Presidente della Fondazione Renata Tebaldi e Roberto Pignatti Presidente della Fondazione Carlo Guglielmo Andreoli di Mirandola (MO) a cui è stato destinato l’incasso del concerto. Con loro nella foto anche Giovanni Iwanejko, Presidente Associazione Sammarinese Cuore-Vita.


SERVIZIO SAN MARINO RTV


In occasione dell’ottavo anniversario della scomparsa del grande soprano, la Fondazione Renata Tebaldi ha organizzato un concerto che ha riportato sul palcoscenico del Teatro Titano alcuni dei vincitori delle passate edizioni del Concorso Internazionale di Canto Renata Tebaldi: i soprano Anna Kasyan, Teresa Sedlmair, Jaeeun Lee, il mezzosoprano Romina Tomasoni, il tenore Davide Giusti, il baritono Filippo Bettoschi e il basso Kwang Ho Choi, accompagnati al pianoforte da Elisa Cerri e Davide Cavalli.

“La scelta di destinare il ricavato del nostro consueto concerto in memoria di Renata Tebaldi alla Fondazione Andreoli deriva da una duplice considerazione. Sostenere l’educazione musicale a partire dai più piccoli, attività in cui l’istituzione modenese è ormai un consolidato punto di riferimento e modello nazionale e internazionale, e intervenire laddove il sisma della scorsa primavera ha messo a dura prova popolazione e territorio, così, proprio come Renata Tebaldi aveva stabilito di destinare l’incasso del suo ultimo concerto al Teatro alla Scala di Milano nel 1976 alle vittime del terremoto in Friuli, la Fondazione intitolata alla memoria dell’interprete e da lei stessa voluta per formare i cantanti e il pubblico di domani, ha individuato la Fondazione Andreoli.
Colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno risposto a questo appello e, in particolare, l’Associazione Sammarinese Cuore-Vita per aver aderito con una generosa offerta.
L’auspicio che rivolgiamo a quest’importante realtà emilano-romagnola è che possa proseguire nella propria attività di divulgazione, perché ‘La musica può nominare l’innominabile e comunicare l’inconoscibile’, come diceva Leonard Bernstein”.
Il Presidente Niksa Simetovic

Nel corso della serata sono stati nominati Soci Onorari della Fondazione Renata Tebaldi
Edoardo Müller

Vincenzo Ramon Bisogni

"Omaggio a Renata"

18 dicembre 2012